Così vicino, così lontano.

cortile-al-neon-berlino.jpg

Da qui, collegato ma slegato, il mondo piccolo e quello grande non ha una distanza.

O forse sono io che non marco il punto.

Dovunque e in nessun posto – fra piccole-grandi tristezze familiari e grandi-piccole depressioni globali,  fra gioie troppo estese per venir adeguatamente descritte e mancamenti da me in perfetto equlibrio – quel che occupo è il momento che occupo. Anzi, no: lui occupa me, di persone odori mani emozioni segni suoni, und so weiter.

Potrei semplicemente copiare dal taccuino nigro y vertical, o dagli appunti mentali.

Lo farò, dopo: quando mi mancheranno le parole.

Adesso sono, tutte, qui e presenti.

Fermarle vorrebbe dire farle fuggire, temo.

2 pensieri su “Così vicino, così lontano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...