JEZABEL, di Irene Nemirowsky

jezabel.jpg

Quando il romanzo comincia, a pagina 47, è già tutto finito. Sappiamo dove passerà i suoi prossimi anni Gladys, sappiamo che al suo collo non gorgoglieranno più le perle, né ci sarà una premurosa cameriera, né amanti, né balli. Eppure.

“JEZABEL” comincia, come ogni romanzo, a pagina uno, ma fateci caso: il capitolo non ha numero. Come fosse un ouverture da melodramma, ( dopotutto è un personaggio tragico di Racine a dare il soprannome alla protagonista, e il titolo al romanzo ), nell’aula di tribunale parigino quel che si consuma è un dettaglio, l’esito scontato di un processo con troppe prove a carico, troppe ammissioni dell’imputata, troppe circostanze aggravanti per poter finire in modo diverso. Eppure.

La vita di Gladys è quella di una donna che, una volta sperimentato il potere della sua bellezza, e la bellezza del suo potere, non accetterà più di rinunciare a gustarne il piacere, l’ebbrezza, la voluttà. Via via meno dolce e più effimero, man mano che gli anni tolgono lucentezza ad occhi e pelle, il fantasma del potere che Gladys – sin dal quel primo giovanile ballo a Londra – ha assaporato, non l’abbandonerà, vera e propria scimmia sulla spalla, fino alla sentenza, e oltre, forse.

Gli uomini, quelli che dice di rimpiangere, come Dick, il secondo marito, o tutti gli altri, sposi o amanti, le cui vite lei riesce comunque a determinare, (alla lettera, nel caso di Martin), gli uomini sono pedoni, alfieri, a volte rare torri, e mai re nel gioco che Gladys gioca e interpreta, da regina che può muoversi in ogni direzione, mossa solo dal proprio desiderio.

Le donne: paggette o damigelle. Ammiratrici, nemiche, serve. Nemmeno Marie-Thérèse, sua figlia, durerà più dello spazio di un mattino, quando la sua femminilità a lungo negata darà inequivocabili prove di sé.

La famiglia: cespuglio di rovi, scena della battaglia, rifugio nella disfatta, ma solo fino al momento della vendetta.

Il ‘Gran Mondo’ europeo e Parigi-centrico del primo novecento, con i suoi oltremodo ricchi, oltremodo ignari, oltremodo scintillanti e vani personaggi da operetta sulla scena tragica della vita, sono lo sfondo sociale di un romanzo che, ritratti femminili a parte ( qui più riusciti ) si sarebbe potuto chiamare “Tenera è la notte”, se lo avesse scritto un americano infatuato della vecchia Europa, o meglio: della sua parodia, come il povero-ricco Francis Scott Fitzgerald. Chissà, se lo avesse davvero scritto Zelda…

Anche la trama – a tratti un po’ prevedibile ( ma non è detto non sia un piacere per il lettore avveduto ) -, e il linguaggio – talvolta un po’ sopra le righe ( ma adeguato alle parole dei personaggi) – servono a Irene Nemirowsky a dare luce ai punti oscuri, a sollevare gli angoli dei pesanti tappeti e scoprirvi il non detto, la sporcizia e la polvere. Nessuna meraviglia: la scrittrice che Adelphi ha portato all’attenzione del pubblico italiano è infatti anche l’autrice del “BALLO”, fulminante racconto di crudeltà reciproche ( ma con vittoria finale dell’adolescente ); di “SUITE FRANCESE”, affresco potente di storie che si intrecciano e confondono, come si confuse la storia in Francia ai tempi di Vichy; di “DAVID GOLDER”, romanzo di scontri e debolezze, di uomini violenti e indifesi, di tradizioni e tradimenti, di parole taglienti come lame e di soldi, soldi, soldi; del proto femminista, inesorabile racconto “LA MOGLIE DI DON GIOVANNI”, stretto parente di questo “Jezabel”.

Chi avesse scoperto la Nemirowsky solo adesso, accetti il mio consiglio: legga una seconda volta tutto “Jezabel”, prima di affrontare le altre opere. Chi, invece, deve ancora cominciarlo, si legga due volte le pagine fino alla 46. In entrambi i casi, servendo da ouverture, tali letture consentiranno loro di entrare nelle pagine e fra le righe: proprio come a teatro, – prima che si levi il sipario, e l’azione cominci – la buona musica avrà già “detto tutto”, avrà già indicato al buon ascoltatore ( come al buon lettore ) i temi e le variazioni, il clima e l’aura, il tono e il registro dell’opera. Si potranno così abbandonare a quell’ “eppure!” che illumina, rovescia e alimenta di sorprese e rivelazioni ogni vita, e ogni buon romanzo. Si gusteranno dunque lo svolgimento della trama ( o le diverse storie raccontate in ogni opera ) con il palato del buongustaio che sa di che sapore è il frutto, o quanto dovrà solleticargli le papille lo champagne, prima di morderlo, prima di levare la flùte. Lo sa perché già lo conosce, sa a cosa paragonarlo, sa dunque misurarne la qualità il piacere il gusto. E, credetemi, la Nemirowsky è un grappolo d’uva regina, è un millesimato. Buone letture.

http://www.adelphi.it/novita/244/2964/2965/2975/libri.asp?isbn=8845921476

9 pensieri su “JEZABEL, di Irene Nemirowsky

  1. cristina aicardi

    quante letture per questo libro, che a me ha irritato, proprio dopo pagina 47 , mentre un altro lettore, ha trovato le prime 47 pagine insopportabili.
    Devo rileggerlo tra qualche settimana!
    In ogni caso fa discutere.
    buona domenica
    cris

    Rispondi
  2. baotzebao Autore articolo

    numerologia a parte, Jezabel è fatto quasi apposta per dividere: è “troppo semplice”, o “troppo sofisticato”, a seconda delle aspettative, delle capacità crtitiche e del grado di snobismo del lettore. A me piace soprattutto l’abilità dell’autrice nel montaggio, certe sfumature “popolari”. Ma certo non vale “Suite Francese”, o i racconti. Grazie cris, buone giornate a lei.

    Rispondi
  3. camilla

    il mito di Faust, fino al dorian gray., al trinfo del botulino nella faccia ,per donne e uomini, grande, superba Nemirovsky, a trent’anni aveva capito tutto della modernità, oggi è solo apparenza e nessuno se avesse ucciso il “pittore” del ritratto, il rivelator della faccia della morte, nessuno , di sua volontà accetterebbe la prigione, la condanna e soprattutto, la rivelazione.magnifico libro, fondamentale.

    Jezabel Superstar qui : https://baotzebao.wordpress.com/2007/05/09/jezabel-superstar/
    (nota di Baotzebao )

    Rispondi
  4. baotzebao Autore articolo

    Sì, Camilla,

    Lei ha ben letto I.N.

    E’ un piacere constatare quanto (talvolta) più “semplici” e tanto più rivelatrici siano le letture di un testo.

    Mi piace amichevolmente sfidarLa, dunque: quale personaggio femminile contemporaneo (fiction and non fiction) interpreta al suo estremo e meglio il personaggio faustiano, wildiano, e dunqua anche nemirowskiano cui Lei allude?

    Quale la pop star, o l’attrice, o la giornalista, o… quella Sua amica – a noi ignota (ma perfetta per il Ruolo) – che l’incarna? Quale la scrittrice che potrebbe narrarla? La Regista, la poetessa, la pittrice….

    Valgono anche nomi di uomini…

    E la sfida è aperta a chiunque.

    Grazie per il passaggio

    Baotzebao

    Rispondi
  5. Pingback: JEZABEL Superstar « a vànvera

  6. nicola

    L’ho letto tutto d’un fiato e, dopo pagina 47, rileggevo a tratti le prime quarantasette pagine nelle parti in cui i vari personaggi venivano richiamati.

    Ho trovato Gladys ub personaggio assolutamente…. attuale: non immaginavo che negli anni trenta di potesse solo immaginare il culto dell’apparenza, la non accettazione del tempo, la conseguente paura di invecchiare che sembrano i veri lait motiv dei nostri giorni….o forse lo sono sempre stati?

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...